×
01 settembre 2018

MODELLO 231

Con l’espressione “modello 231” si intende il modello organizzativo e gestionale adottato da un’impresa o un ente (sia in forma societaria sia in altra forma) idoneo a prevenire la commissione di specifici reati previsti dal decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231.

Se si è adottato un corretto modello di organizzazione e gestione è possibile evitare alla società l’applicazione di sanzioni relative alla commissione di tali reati da parte dei soggetti posti in posizione apicale nell’organizzazione aziendale.

Le caratteristiche principali del “Modello” regolato dal decreto 231/01 sono le seguenti:

  • individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi reati;
  •  prevedere specifici protocolli diretti a programmare la formazione e l’attuazione delle decisioni dell’ente in relazione ai reati da prevenire;
  •  individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie idonee ad impedire la commissione dei reati;
  •  prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento e l’osservanza dei modelli;
  •  introdurre un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto delle misure indicate nel modello.

Si tratta dei seguenti principali reati:

Indebita percezione di erogazioni, truffa in danno dello Stato o di un ente pubblico o per il conseguimento di erogazioni pubbliche e frode informatica in danno dello Stato o di un ente pubblico.

Delitti informatici e trattamento illecito di dati

Delitti di criminalità organizzata .

Concussione, induzione indebita a dare o promettere utilità e corruzione

Falsità in monete, in carte di pubblico credito, in valori di bollo e in strumenti o segni di riconoscimento

Reati societari

Delitti con finalità di terrorismo o di eversione dell’ordine democratico

Delitti contro la personalità individuale.

Abusi di mercato

Omicidio colposo o lesioni gravi o gravissime commesse con violazione delle norme sulla tutela della salute e sicurezza sul lavoro

Ricettazione, riciclaggio e impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita, nonchè autoriciclaggio

Delitti in materia di violazione del diritto d’autore.

Induzione a non rendere dichiarazioni o a rendere dichiarazioni mendaci all’autorita’ giudiziaria

Reati ambientali

Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare

Razzismo e xenofobia

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*